Omeopatia per i cani: cos’è? Per quali disturbi?

Omeopatia per cani: cos'è? Per quali disturbi?

L’omeopatia è una medicina alternativa che è lontana dall’essere accettata all’unanimità dalla comunità scientifica, al punto che è stata de-rimborsata dal sistema di sicurezza sociale Italianoa partire dal 1° gennaio 2021 per gli esseri umani.

Tuttavia, ha ancora molti sostenitori e la vendita di medicinali omeopatici non è vietata. Prova della loro sicurezza, se non prova della loro efficacia. E naturalmente, l’omeopatia non è riservata agli esseri umani, ed è anche ampiamente utilizzata sui cani nella medicina veterinaria.

Cos’è l’omeopatia per i cani?

Sviluppata alla fine del XVIII secolo, l’omeopatia si è diffusa rapidamente sia negli Stati Uniti che in Italia, per poi diventare controversa nel XXI secolo. Come molte medicine olistiche, basate sull’animale o sull’essere umano da trattare, piuttosto che sui sintomi di una patologia, ha i suoi detrattori, ma anche i suoi seguaci.

Così, la medicina omeopatica per i cani è un’alternativa naturale a tutte le piccole parole quotidiane a cui il vostro cane può essere soggetto, ma anche un complemento alla medicina più convenzionale per guarire l’anima prima del corpo.

Dovete sapere che l’omeopatia canina si basa su due principi principali:

  • Ha lo scopo di stimolare il corpo a guarire se stesso da un lato,
  • Si basa sulla legge degli “infinitesimi”, con una dissoluzione di diversi ch (centesimi) dal principio attivo di base.

Nonostante la sua bassissima concentrazione di prodotto attivo, di origine vegetale, minerale o animale, l’omeopatia rafforzerebbe quindi il sistema immunitario del cane, senza alcun rischio di deteriorare la sua salute.

L’omeopatia è disponibile al banco nelle farmacie e negli studi veterinari ed è poco costosa rispetto ai trattamenti tradizionali. Di solito si presenta sotto forma di gocce o di granuli, il che lo rende molto facile da somministrare al vostro cane, semplicemente mescolandolo nel suo cibo o nelle sue crocchette. Viene prescritto dal veterinario per una maggiore efficacia, in modo da utilizzare il giusto principio attivo su Medor, evitando così di fare l’apprendista stregone.

Come funziona una visita veterinaria omeopatica?

L’omeopatia, come la naturopatia o l’agopuntura, è una specialità del vostro veterinario, che ha tutte le qualifiche necessarie per trattare il vostro cane con le migliori possibilità di successo. Pertanto, prescriverà solo l’omeopatia per i disturbi comuni per aiutare il vostro cane a sentirsi meglio. In caso di malattia grave, l’omeopatia sarà un supporto benefico, ma non sostituirà i trattamenti convenzionali.

La vostra visita dal veterinario, accompagnati dal vostro cane, sarà la seguente:

  • Fase di osservazione del cane: stato di salute dell’animale, sia dal punto di vista comportamentale che psicologico
  • Fase di discussione con il proprietario: quali sono i sintomi, da quando sono apparsi e in quale occasione?
  • Fase di ricerca eziologica: le cause possono essere dovute a un fattore di stress, un trauma, un cambiamento di clima o di dieta, ecc,
  • Fase di osservazione clinica: segni oggettivi (lesioni, astenia, dolore, ecc.) e soggettivi (disturbi dell’umore, disturbi sensoriali, disturbi del sonno, rifiuti alimentari, ecc.)
  • Sviluppo di una diagnosi e prescrizione di un rimedio omeopatico e convenzionale se necessario.

In definitiva, una consultazione veterinaria omeopatica non è diversa da una consultazione veterinaria convenzionale. Cambia solo il rimedio. Se il cane si riprende rapidamente e i sintomi diminuiscono o scompaiono completamente, non è necessaria un’ulteriore consultazione. In caso contrario, è necessaria una nuova consultazione, entro un massimo di due mesi (tempo massimo per un trattamento omeopatico).

Quali disturbi possono essere trattati con l’omeopatia canina?

Come avrete capito, l’omeopatia è utile per i piccoli “buchi” quotidiani, ma tutt’altro che sufficiente in caso di malattie gravi. Ecco perché una consultazione veterinaria è il più delle volte necessaria, anche se si può avere un “kit di pronto soccorso” a casa.

Infatti, per il vostro cane, ma anche per i vostri bambini e per voi stessi, potete usare l’omeopatia quotidianamente, senza alcun pericolo, a condizione di seguire il dosaggio indicato. Ecco il kit di pellet omeopatici per tutti:

  • Arnica montana: per colpi, crampi e dolori,
  • Arsenicum album: per intossicazioni alimentari, stanchezza e disturbi respiratori,
  • Nux vomica: per disturbi digestivi, nausea, diarrea e vomito,
  • Apis Mellifica: per punture di insetti e bruciature,
  • Calendula: per lesioni e infezioni della pelle,
  • Ledum Palustre: per il prurito,
  • Cina: per la prevenzione della sverminazione,
  • Gelsumium: per ansia, nervosismo e stress.

In generale, l’omeopatia canina è più utile per i problemi comportamentali e per ridurre i sintomi di un disturbo minore. Anche se avete un kit di pronto soccorso omeopatico, chiamare il vostro veterinario prima di somministrare un trattamento omeopatico è la cosa migliore che possiate fare.

Anche se l’omeopatia è un vantaggio, non dovrebbe sostituire la medicina veterinaria tradizionale. È piuttosto un suo complemento, un aiuto di cui il cane può beneficiare per far funzionare le sue difese naturali. In caso di una patologia che richiede un intervento chirurgico, in caso di comparsa di parassiti, in caso di una malattia genetica o di una malattia grave che colpisce il tuo fedele compagno, è necessario andare dal veterinario. Il vostro cane beneficerà allora delle cure tradizionali per mettere tutte le possibilità dalla sua parte.

leonardo
Rate author
🐶 Zoonline